31/08/14

CARTE ALLINEATE. Seconda serie, numero 26, Luglio 2014 / Second series, issue 26, July 2014

Per gli articoli del mese, vai a luglio 2014 in ARCHIVIO BLOG, o consulta l'INDICE ALFABETICO qui sotto. Per gli arretrati vai a ARCHIVIO BLOG; e a Di cosa si parla su Carte allineate: Indici, nella colonna di destra in questa pagina. Cerca nomi e titoli specifici con il SEARCH BLOG; e gli argomenti tramite le ETICHETTE, sempre nella colonna di destra. Nella colonna di sinistra si trovano anche i LINKS con altri siti / Find the entries in the current month at July 2014 in ARCHIVIO BLOG or in the INDEX below. Find past issues in ARCHIVIO BLOG, and in Di cosa si parla su Carte allineate: Indici, a section which is situated on the right end side column on this page. Look for specific names and titles by using the SEARCH BLOG. Consult topics by using the ETICHETTE (or LABELS), again on the right hand column. LINKS to other sites are also provided on the left end column in this page.


INDICE ALFABETICO / INDEX

Le voci elencate qui sotto senza il nome dell'autore sono state scritte, e le foto sono state scattate, da Roberto Bertoni. / Entries listed below without the name of the author were written, and pictures were taken, by Roberto Bertoni.


21/08/14

Banana Yoshimoto, N.P.

Prima ed. giapponese 1991. Traduzione di G. Amitrano. Milano, Feltrinelli, 2007

Novella a due aree tematiche: l’ambiente trasgressivo della prima Yoshimoto, con incesto, omosessualità, ribellione adolescenziale; e racconto sulla composizione di un libro di racconti, motivo dunque ampiamente metaletterario.

Morendo, uno scrittore ha lasciato incompiuto un racconto di una serie concepita come raccolta. L’incompiuto passa di mano in mano tra i vari personaggi, trascinando la narratrice tra le complicazioni delle loro vite: una figlia adottiva che ha avuto rapporti sessuali tanto col padre biologico, quanto col fratellastro; la sorella biologica del ragazzo forse innamorata della narratrice.

Fortunatamente, anche gli elementi scabrosi vengono narrati con leggerezza, il che rende più accettabile, nel senso dell’effetto di veridicità, la narrazione. Fin quasi al punto dell’incoscienza. Eppure ogni personaggio in questo libro ha un margine di consapevolezza, si espone nella propria junghiana Ombra.

Come dice uno dei protagonisti del racconto di cui si parla nella novella, anche questo volumetto di Yoshimoto “ha un tocco gotico ma è anche profondo da darti il mal di testa, romantico ma anche d’evasione…” (p. 75).


[Roberto Bertoni]

11/08/14

T. Myu – B. Balbi, LE MEMORIE DI UNA GEISHA



Villafranca di Verona, Estremo Oriente, 1929


Abbiamo ritrovato questo libro un po’ ingiallito tra gli incunaboli (per così dire) di una libreria smontata e ricomposta in altra sede. Spiace non aver saputo ancora scoprire notizie precise sugli autori, o meglio sullautrice giapponese (Myu) e sul traduttore italiano (Balbi): così quanto definisce la prima di copertina.

Il linguaggio utilizzato in italiano è carico e un che d’appendice, pur a una lettura distanziata nel tempo e storicizzata.

Il materiale narrativo è quello di una storia pietosa e triste. 

La protagonista viene avviata, a causa di ristrettezze familiari, e di una fuga da casa del padre, a una comunità di geishe. Per cultura e abilità canore e nel comporre versi, la ragazza eccelle, respingendo al contempo intrepidamente i tentativi di vari ricchi di attentare alla sua verginità.

Quando potrebbe redimersi, richiamata a casa dalla sorella minore che sta per contrarre matrimonio con un giovane che la ama ed è possidente, scopre, osservando da lontano, che questi è proprio il ragazzo di cui lei stessa, in un fuggevole incontro tra due treni, si era innamorata.

Scherzi del destino, che si ritrovano in effetti anche in storie moderne della narrativa dell’Asia nordorientale. La protagonista decide di recarsi in convento, facendosi monaca, con una atto di altruismo verso la felicità della sorella.

Questo tipo di intreccio, che una volta ci pareva tanto palesamente sentimentale, ci colpisce oggi per l'esemplarità e l'idealizzazione della virtù, o meglio delle virtù positive, che non guastano in questo secolo di machiavellismo sempre più meccanico e dilatato.

C’è qualche poesia degna di nota, nel volume. Per esempio (a p. 57):

“O campi di azalee
corsi da libellule
di seta e di argento,
come variate al colore del sole,
come tremate al vento!
Ma se fiorisse la luna,
quale colore avreste?
E se cadesse la piova…
come tremereste?”


[Roberto Bertoni]