29/05/14

Ken Loach, JIMMY’S HALL

[Mount Usher (Ireland 2014). Foto Rb]



Ken Loach, Jimmy's Hall. Gran Bretagna, Irlanda, Francia, 2014. Con Simone Kirby, Jim Norton, Barry Ward.

L’approccio umanizzante di Loach alla definizione dei personaggi gli consente un taglio non retorico, ma allo stesso tempo non pedissequamente didattico sul piano politico, sebbene questo film sia senz’altro impegnato a contestare l’atmosfera unilaterale delle ideologie dominanti in Irlanda, quelle della Chiesa e dello Stato, dopo la guerra civile.

L’intreccio è piuttosto lineare. Jimmy Gralton, personaggio realmente esistito, nel 1932, dopo essere stato dieci anni negli Stati Uniti, riapre, nella Contea rurale di Leitrim, una sala gestita secondo principi di libertà di pensiero e concezioni laburiste, disponibile all’intera comunità locale per studiare, svolgere attività artigianali, ballare. La sala dà fastidio all’establishment in termini egemonici: si contrappone al controllo ecclesiastico sulla parrocchia e viene tacciata di marxismo dai rappresentanti della neo-classe dominante. Ne consegue la sua distruzione tramite un incendio a mano di immaginabili ignoti e la deportazione (fatto storicamente veritiero) di Gralton negli Stati Uniti, vietandogli il rientro in Irlanda, col pretesto burocratico che ha un passaporto americano, quasi non fosse irlandese.

Si intesse all’interno del film la rappresentazione delle due facce della comunità, quella perbenista e quella alternativa e contestatrice. 

Si affianca una storia d’amore ben tenuta in ambito tanto romantico quanto realista.

Sia Barry Ward (Gralton) che Jim Norton (il parroco) danno interpretazioni veramente degne di nota.

Vari attori sono non professionisti e guidati ottimamente dal regista. 

Ottima la ricostruzione degli ambienti, delle case rurali, dell’atmosfera del tempo, della natura, della musica molto in evidenza con jigs and reels tradizionali autentici e set dancing ben eseguito.

È un film di parte, che riesce a rappresentare con paradossale oggettività.

Ci è piaciuto.


[Roberto Bertoni]

25/05/14

Marina Pizzi, CANTICO DI STASI (2011-2014, strofe 6-10)


6.

La finestra dello scontento
lungo le rotte del mio sacrificare
la calca della palude. nell’interno
del diamante vedo il cestino
delle inutili stimmate. sono molto a soffrire
questo marziano d’ansia.
indarno gli appunti non spiegano
la disgrazia delle mosse senza rispetto
le malizie che contengono l’arrivo
sulle supplenze del vento sempre contro
il beneficio del faro tutto stante.
in gara con la rondine che vince
si ritiri la noia che dà da piangere
al cinereo bastone del basto dentro.
qui si immola l’avarizia del contendere
solo acquazzoni con le morse delle gocce.
in mano alla pietà della risacca
le scorie nelle mani sono l’affetto
di gente morta nel giardino delle meraviglie
così si dice nelle fole di vinti talami.
la paura del soldato è lo steccato
dinamitardo. qui se ti affretti a scappare
apra la sorte il vento e l’avarizia crepi.


7.

quale bistro truccherà il mio zaino
in perla d’indovino finalmente
per correre alla maniera dell’atleta
con la lancia in resta e la corona in testa.
nulla parlerà di regole oceaniche
visto che lo stagno piange fanciullo
e la pallottola ha trascorso la nuca.
così morta la ciurma della ronda
nulla potrà cantare alla madre del bivacco
l’accomodo di dirle una pietà.
alla cometa del rantolo maniaco
si scomoda il respiro per spirare
la corta moda di morire sùbito.
in mano al dado del sicario
si ottenebra la calce del loculo
quale più oscuro anfratto di bracconaggio.
in mano alla caduta della rotta
faccio ammenda di me nei secoli
per le placente irrise che non ebbi.


8.

dio di cancrene stare zitto
sul filo del rasoio come abaco
atto al rasoterra. l’alone della terra
è fiato smesso pronto per il sottomesso
fato di sospiro. e sempre rantola il guasto
della conca in culmine di oceano. iddio
canuto questo scempio fiumara di fumo.
addio al sasso che giocò al vetro rotto
dentro il cortile d’infanzia. è giara di veleno
l’alunno zoppo che non può scalciare
contro la poca aureola del sogno.
in lutto guarderò la sedia vuota
dove rantolò la scherma di Ulisse
il bel cerchio di restare vivi.
in fondo è un cipresseto anche l’annuncio
di chiamarsi al dondolo. muore la spada
d’accatto quando giocare sfuggiva la cavia.
oggi si accantona il bacio
per un giro ancora.


9.

mi metterò l’occaso in riva al sangue
e capirò perché la luna è piena
o spicchio di capestro. l’alunno saturnino
della pena gravita una roccia. dove da oggi
è turno di scempio prestare il rantolo
occludere la fiaccola del coraggio. in stato di
omuncolo regalo assiomi miracolosi
d’asma. eppur domani sia consono
il re del soqquadro per la caligine
del retro stato. un fato di nebbia
mi epuri l’odio. non basta raccontarsi
un enigma se la storia è dio. è da sùbito
l’urto con la fossa certa. d’animo e conclave
non avrò amore nel furto di esserci. la cenere
d’olimpio dove si culla il sole senza speranza.
e la darsena si acclude all’osso di sterco
al comignolo che ottura il cielo
verso la rottura col mito. in fase maschia
non sarà riscossa espugnare il rantolo.


10.

finalmente avrò un bottone d’agio
finalmente. e dietro l’ambito delle vene
rosse non ci sarà più il sangue, ma la fine
dolcissima della vita. nel ginnasio degli angeli
voglio andare dove la pena non è neppure
un ricordo. nelle scalee di prìncipi e tiranni
resta l’odore della morte per il popolo dei
gioghi. gigli secchi comprendono le tombe
quando nessuno si ricorda più
di quali stati fu il cruciverba e la badata
stasi di dormire raccolti in un apice
di piume. lo sterzo è la vendetta del morente
con urli o silenzio secondo la paura.
immersi in un letamaio di giullari
si contamina restare stamberghe di sé.



[Le strofe precedenti sono sul numero scorso di “Carte allineate”]